Orchestre multietniche dal mondo….la kermesse nell’Agro Pontino!

seleziona l'album o il singolo da ascoltare:

previous next
Orchestra di Porta Palazzo
 

Prendi venti orchestre. Raduna 250 musicisti provenienti da mezzo mondo. Aggiungi tutti i generi musicali che ti vengono in mente: dal rock al punk, dallo ska al reggae. Mescola con le sonorità delle terre più lontane. Il risultato? Il più grande concerto multietnico nella storia del nostro Paese. L’appuntamento è fissato per luglio 2014 nell’Agro pontino. 
Le 20 orchestre multietniche d’Italia. Il nostro è il Paese delle orchestre multietniche, primo in Europa con ben venti band all’attivo: dalla Orchextra Terrestre di Trieste alla Ritmo Live di Messina. E il primato dei primati spetta Roma, forte di sette gruppi. Insomma, a suonare oggi non c’è più solo l’Orchestra di Piazza Vittorio, consacrata in un film e celebrata anche all’estero. “Gli ensemble multietnici attivi in Italia sono oggi molti di più – spiega Francesco Fiore, leader della Med Free Orkestra – e accolgono musicisti provenienti da tutti e cinque i continenti”. Le orchestre presenti sul territorio nazionale sono venti, “per limitarsi a quelle discograficamente attive”, con un numero di componenti che va dagli 8 ai 25 per ogni ensemble. In tutto si tratta di 250 musicisti, provenienti da 40 Paesi diversi.
Il concertone del 2014. Le 20 orchestre si sono date appuntamento, dal 5 all’11 luglio 2014, per un grande festival itinerante. Circa 250 gli artisti che arrivano da tutti i continenti, soprattutto dall’Africa e dal Medio Oriente, ma anche dal sud America e dall’Europa Centrale. Il concerto finale è fissato a Formia, ma le varie band suoneranno anche a Latina, Sperlonga, Itri, Fondi, Terracina e Gaeta. Insomma, l’Agro pontino sarà al centro di mille suoni. “Tutto il festival  –  spiega Fiore, coordinatore della kermesse, a Redattore Sociale  –  sarà dedicato al primo poeta che ha parlato nella lingua del mondo, Fabrizio De Andrè, un uomo che aveva visto lontano e che ci ha indicato un modo di affrontare la vita”. (da La Repubblica, 2 ottobre 2013)

       
2020 © Orchestra di Porta Palazzo di Torino ·
 

 
 
previous next
X