L’ORCHESTRA DI PORTA PALAZZO SECONDO BRUNO GAMBAROTTA

seleziona l'album o il singolo da ascoltare:

previous next
Orchestra di Porta Palazzo
 

img006

“…Prevalgono le percussioni, ma ci sono anche due violini, un fagotto, un mandola -incrocio fra chitarra e mandolino- una fisarmonica (…) la violinista giapponese si presta a fare la vocalist per una canzone nigeriana (…) il tastierista marocchino compone ed esegue un tango argentino (…) la cantante nera intona in piemontese la bellissima e struggente Porta Pila (…) non c’è più religione (!)…” (Bruno Gambarotta, La Stampa, 05/04/2013)

       
2020 © Orchestra di Porta Palazzo di Torino ·
 

 
 
previous next
X